Inquadramento generale sull’area marina

Budoni_LiCucutti

Nell’area sono stati individuati sei siti potenzialmente idonei allo snorkeling, abbondante presenza di specie protette, un relitto della seconda Guerra Mondiale, ambienti profondi ricchi di specie e colori (il coralligeno di Budoni) e un esteso e peculiare posidonieto. L’insieme di queste informazioni costituisce un primo pacchetto di dati che dovrebbe essere trasmesso al turista, al fine di fornire delle prime indicazioni su come muoversi nell’area e incrementare il fascino del mare di Budoni. Un primo prodotto generale di valorizzazione atto a tale scopo è stato realizzato ed è rappresentato dal pannello intitolato “Cosa c’è sotto”, consegnato congiuntamente alla presente relazione. Il pannello illustra in generale le caratteristiche dei fondali di Budoni e fornisce ai turisti indicazioni di massima su quali sono e dove sono ubicate le principali attrattive.

Il pannello, fornito in versione digitale (in bozza in tre possibili diverse versioni grafiche con la presente relazione), ha lo scopo di visualizzare in maniera semplice e diretta le principali “attrazioni naturalistiche”, a partire dalle specie animali e vegetali più caratteristiche che il turista può incontrare con una facile nuotata con pinne e maschera. Con questo primo strumento, da dislocare in poche copie in punti di grandi visibilità, si intende iniziare a veicolare i principali messaggi di comunicazione: “sotto ci sono tesori naturalistici nascosti” e questi tesori “sono facili da trovare e vedere”, se si è opportunamente informati e accompagnati. Una stampa preliminare delle bozze del pannello è fornita in APPENDICE C, in miniatura una delle 3 versioni è illustrata nella figure di seguito. Una volta concordata la versione definitiva sarà inviato il file in formato idoneo alla stampa.